Qual è il segreto della felicità?

Si dovrebbe essere scettici nei confronti di chiunque abbia una risposta pronta a una domanda del tipo: “Qual è il segreto della felicità?”Le emozioni particular e la felicità in particolare are sono molto soggettive. Cresting una collina su un ottovolante è un’occasione felice per alcuni e un incubo per gli altri, per esempio. Se la felicità è soggettiva, come possiamo mai qualificarla abbastanza per capire cosa ci porta alla felicità? La maggior parte dei ricercatori hanno scoperto che semplicemente chiedendo alle persone ciò che li rende felici funziona meglio.

Esaminando le persone di tutti i giorni e aggregando i dati, membri di campi così disparati come la psicologia sociale, l’epidemiologia e l’economia hanno escogitato ciò che molti vedono come una migliore comprensione di ciò che ci rende felici. Il segreto della felicità, sembrerebbe, non è più un segreto.

Pubblicità

Pubblicità

Una delle prime conclusioni i ricercatori nel campo della felicità arrivato a contraddetto una lunga presupposto: che il denaro si traduce in felicità. Negli 1970, l’economista George Easterlin ha scoperto che mentre il reddito negli Stati Uniti è cresciuto dopo la seconda guerra mondiale, la felicità riportata nel paese non ha tenuto il passo. Easterlin ha scoperto che questo si applicava anche ad altre nazioni sviluppate. Nel corso del tempo, il cosiddetto paradosso di Easterlin è stato perfezionato-il denaro aumenta la felicità a certi livelli-ma i dati suggeriscono che una volta che le necessità di base come cibo, riparo e assistenza sanitaria sono assicurati, il reddito cade al passo con la felicità.

Invece, i ricercatori hanno scoperto che gli esseri umani sperimentano la felicità attraverso relazioni coinvolte che ci conferiscono un senso di appartenenza e attività e stili di vita che li coinvolgono. Infatti, alcuni psicologi sono fiduciosi che ciò che rende felici le persone può essere ridotto a tre categorie: genetica, scelte e le circostanze della propria vita .

La maggior parte delle persone che studiano la felicità hanno concluso che la predisposizione genetica verso la felicità-chiamata felicità trait-rappresenta una gran parte di ciò che rende felici gli esseri umani. Fino al 50 per cento del motivo per cui siamo felici può essere trovato nei nostri geni . L’altra metà della felicità umana è leggermente più sotto il nostro controllo. Mentre circa il 10 per cento sono circostanze di vita come il reddito e le relazioni, il restante 40 per cento è costituito da scelte fatte dall’individuo . Fare scelte positive come restituire un portafoglio trovato imbottito di denaro al legittimo proprietario o rimanere fedeli al proprio coniuge sono parte del segreto della felicità, dicono alcuni ricercatori.

Altri mettono più enfasi sulle relazioni. Le persone che hanno stretti rapporti con gli altri tendono ad essere più felici. Uno studio ha rilevato che il numero di persone felici nella propria vita potrebbe aumentare la felicità in una persona in modo prevedibile. Ogni persona felice nella vita di una persona ha aumentato le sue possibilità di essere felice del 9 per cento .

Uno stato noto come flusso è anche pensato per essere una parte di ciò che ci rende felici. Questo stato, in cui si è pienamente impegnati in un’attività come il lavoro o un hobby, esiste tra l’annoiarsi e l’essere sopraffatti . Quando nel flusso, i talenti e gli interessi di una persona sono utilizzati e il compito intrapreso è generalmente incontrato con successo.

L’indagine della scienza su ciò che ci rende felici è ancora un campo relativamente giovane ed è ancora alle prese con una domanda di pollo o uovo: Sono i tratti trovati in persone felici i fattori che li rendono felici o sono solo caratteristiche di persone felici? La ricerca dovrà determinare la risposta a ciò prima che sia in grado di sbloccare completamente il segreto della felicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.