Perché Ryan Pace avrà una seconda possibilità come Direttore generale dei Bears

Mentre i Chicago Bears entrano a dicembre, l’attenzione si è spostata dalle cinque partite rimanenti della squadra alle discussioni sulla sicurezza del lavoro e sulla ricostruzione. Molti fan e analisti sono pronti per la proprietà di licenziare l’allenatore Matt Nagy, il direttore generale Ryan Pace e il presidente del team Ted Phillips. Indipendentemente da come finisce la stagione, Nagy ha buone possibilità di essere licenziato. Pace, d’altra parte, potrebbe avere una seconda possibilità in base a ciò che ha già fatto per gli Orsi.

Sommario

Quando Pace è diventato General manager nel 2015, ha assunto la squadra dopo probabilmente la peggiore stagione nella storia della franchigia. La squadra di Bears 2014 è stata storicamente negativa sia dentro che fuori dal campo poiché la franchigia è stata costantemente imbarazzata dalle azioni e dalle inazioni del general manager Phil Emery e del capo allenatore Marc Trestman. La difesa dei Bears è stata storicamente negativa nel 2014 e mancava di stelle difensive da costruire ad eccezione del cornerback Kyle Fuller.

Aveva una richiesta per questo prima di oggi, quindi eccola qui. Gli antipasti # Bears Settimana 1 nel 2015 (prima stagione di Ryan Pace) vs Quest’anno.

Presentato senza commento. pic.Twitter.com / jfBWmJOZPW

— Aaron Leming (@AaronLemingNFL) Settembre 3, 2018

La stagione 2015 doveva essere la prima stagione di ricostruzione in quanto la squadra doveva essere una delle peggiori squadre della lega in quella stagione, ma si è trovata in lotta per i playoff all’inizio di dicembre. Pace ha trovato giocatori di qualità sia nel draft che nell’agenzia libera, il che ha permesso alla squadra di competere per tutta la stagione. La qualità dei giocatori era evidente a partire dalle dieci sconfitte della squadra in quella stagione, solo quattro sconfitte erano di sei punti o più.

Pace è stato in grado di ripristinare la rispettabilità alla franchigia dei Bears entro un anno, poiché molti credevano che la squadra potesse competere per i playoff nel 2016. dal 2015 al 2017 inizialmente doveva essere la fase di ricostruzione, ma dal momento che il direttore generale lo ha trasformato nella sua stagione da rookie, molti hanno dimenticato che i prossimi due anni avrebbero dovuto essere anni di ricostruzione.

Pace ha dimostrato di poter redigere costantemente

Probabilmente il miglior tratto di Pace come direttore generale è stata la sua capacità di redigere. Attraverso le sue sei stagioni come direttore generale dei Bears, è stato in grado di trovare prospettive di qualità in ogni bozza. Le prime tre classi di draft di Pace presentano uno, se non, più giocatori che hanno continuato a raggiungere il Pro-Bowl. Anche se Pace ha avuto solo un lavoro di selezione del primo turno in linebacker Roquan Smith, ha fatto un lavoro enorme trovare giocatori nei turni successivi.

Alcuni di questi giocatori includono Jordan Howard, Tarik Cohen, Eddie Goldman, Adrian Amos, Eddie Jackson, Nick Kwiatkowski, Cody Whitehair, Bilal Nichols e Darnell Mooney. Pace deve ancora avere una bozza in cui tutte le sue scelte non hanno funzionato. La capacità di trovare talenti nei turni successivi deve essere presa in considerazione perché dimostra che c’è un talento per trovare talenti che altre squadre stanno trascurando.

Quindi in media, Ryan Pace sta atterrando questo in ogni draft class&UDFAs:
Antipasti: 3
Giocatori di ruolo: 3.5

Ciò significa che ogni anno, sta trovando 6-7 giocatori con turni (antipasti o pezzi di profondità di qualità) che durano 3+ anni. Meno scelte o no, questa è la redazione di qualità. # Bears

— Aaron Leming (@AaronLemingNFL) April 30, 2019

Anche alcuni dei primi round di Pace, anche se non hanno funzionato, al momento non sono stati cattivi. Le sue tre selezioni più controverse del primo turno sono Kevin White, Leonard Floyd e Mitchell Trubisky. White non ha funzionato non perché non aveva talento, ma perché non riusciva a rimanere in salute. Floyd ha mostrato promesso durante la sua carriera Bears, ma non è mai stato all’altezza delle aspettative. Ora sta avendo una grande stagione con i Rams.

La selezione di Trubisky ottiene il maggior controllo, ma molti dimenticano che è stato proiettato come il quarterback numero uno nel 2017, e diverse bozze di simulazione significative hanno visto il futuro quarterback dei Bears essere selezionato per primo. A differenza di alcune delle selezioni del draft di Emery, il ragionamento di Pace per la stesura dei giocatori che ha preso nel primo aveva senso al momento.

Todd McShay proiettò Mitchell Trubisky ai Cleveland Browns al numero 1 nel suo ultimo draft. # Bears

— Sports Sports Mockery April (@sportsmockery) April 27, 2017

L’organizzazione dei Bears potrebbe non dover impegnarsi per una ricostruzione totale

Il problema più eclatante con la squadra dei Bears al momento è stato il loro inetto attacco. Pur avendo il peggior attacco del campionato nelle ultime due stagioni, Chicago è stato un contendente ai playoff a causa della loro superba difesa. Con diverse giovani stelle difensive ancora sotto contratto, Chicago potrebbe rivedere il loro attacco in offseason con un nuovo capo allenatore ed essere un contendente ai playoff in 2021.

Tenendo il passo e la difesa dopo la stagione 2020, se i Bears passano da Nagy, avere una difesa di talento in atto potrebbe attirare i migliori candidati di coaching in questa offseason. Per un potenziale candidato di coaching come Joe Brady, prendere il lavoro dei Bears con una difesa preparata potrebbe essere la situazione migliore.

Se gli orsi finiscono a 8-8 o peggio, ecco cosa faccio:

— Sposta Phillips in un ruolo diverso.

— Fai di Ryan Pace il presidente di Football Ops.

— Prendi di mira qualcuno come Marvin Allen o Thomas Dimitroff come GM.

— Obiettivo Brandon Staley o Joe Brady come HC.

— Dhruv Koul (@DhruvKoul) 24 novembre 2020

I fan e i media avranno un indicatore migliore della sicurezza del lavoro a seconda di come gli ultimi cinque giochi dei Bears hanno partecipato. Se tutti e cinque i giochi sono perdite imbarazzanti, sia Nagy che Pace sono probabilmente spariti. Se la squadra rimane competitiva, ma l’offesa vacilla, è probabile che l’allenatore se ne sia andato mentre il direttore generale rimane. Anche se Pace ha fatto una delle selezioni progetto più controversi nella selezione Trubisky, il resto del suo lavoro è stato rispettabile, e che potrebbe contribuire a permettergli di mantenere il suo lavoro alla fine del 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.