Le aziende tirano gli scooter da Atlanta dopo l’ordine della città

(TNS) — In un tipico, mite giorno di aprile, normalmente si vedrebbero i residenti di Atlanta su e-scooter sfrecciare lungo la linea di cintura o attraverso Piedmont Park, prendendo la brezza primaverile.

Queste immagini sono in netto contrasto con i marciapiedi e le strade che ora sono sterili dei dispositivi a due ruote.

Alle aziende di scooter è stato detto di rimuovere i loro dispositivi dai marciapiedi della città dopo che il sindaco di Atlanta ha emesso l’ordine shelter-in-place il mese scorso. Le società di scooter non sono state considerate una delle” imprese essenziali ” autorizzate a continuare a operare, come negozi di alimentari, consegna di cibo, hardware e imprese di costruzione.

Ora, le quattro società di scooter autorizzate a fare affari in città — Bird, Uber Jump, Boaz e Wheels — hanno chiuso i servizi ad Atlanta e in altre importanti città degli Stati Uniti a causa dell’epidemia di virus.

Da allora, “Abbiamo visto un enorme calo nell’uso degli scooter”, ha detto un portavoce della città.

Il relè società bici elettrica è ancora in funzione in città, un rappresentante del servizio clienti della società ha detto.

Atlanta Bicycle Coalition Direttore esecutivo Rebecca Serna ha detto che il virus ha creato sfide per chi guida veicoli più leggeri, come biciclette e scooter, che potrebbero indugiare per mesi.

“Ci sono persone che dipendono da esso e non hanno accesso all’auto personale o al transito”, ha detto. “E sono davvero in un vicolo cieco.”La missione dell’organizzazione si è spostata l’anno scorso dal sostenere i ciclisti per includere la difesa di altre esigenze di transito come gli scooter.

Nell’ultimo anno, i residenti di Atlanta e i leader della città si sono lamentati degli scooter lasciati sui marciapiedi e sulle strade, bloccando pedoni e utenti di sedie a rotelle. A un certo punto, nove aziende operavano 12.700 dispositivi combinati in città. Nonostante gli sforzi di Atlanta per gestire il problema, sembra che tutto ciò che serviva fosse un coronavirus diffuso.

Leggi scooter della città e multe avevano già affrettato fuori alcune aziende che operano in città. A marzo, la città ha aggiornato la sua ordinanza sugli scooter e ha stabilito un nuovo processo di approvvigionamento per selezionare non più di cinque società di scooter per operare in città.

Nessuna delle aziende di Atlanta ha divulgato pubblicamente quanti soldi stanno perdendo, ma alcuni ammettono che il coronavirus ha tagliato la loro forza lavoro.

Bird aveva 2.000 scooter ad Atlanta prima di sospendere i servizi il mese scorso e tagliare il 30% della sua forza lavoro.

“Continueremo il nostro stretto dialogo con i funzionari locali di Atlanta mentre forniamo il nostro servizio e offriremo nuovamente la nostra alternativa di trasporto sicura e pulita il prima possibile”, ha detto una portavoce.

Uber Jump, che aveva 2.000 scooter in città, ha sospeso le sue operazioni ad Atlanta il 24 marzo e prevede di interrompere parte del suo personale “a terra”. La società pagherà dipendenti interessati paga due settimane.

” Mentre le chiamate difficili sono necessarie in questi tempi incerti, intendiamo riprendere le operazioni di salto in queste città una volta che è abbastanza sicuro farlo, e non vediamo l’ora di (ri)assumere personale per sostenere tali sforzi”, Bill Knapp, direttore generale regionale di Jump per Stati Uniti e Canada, ha detto in una dichiarazione.

Wheels, che aveva 1.000 dispositivi ad Atlanta, ha lasciato la città il 19 marzo, ma prevede di tornare sul mercato con manubri autopulenti una volta che i lockdown sono stati sollevati.

Boaz Bikes aveva 200 dispositivi ad Atlanta, ma hanno tirato loro anche. Finora, non hanno licenziato alcun personale in Georgia e stanno esaminando le opzioni che manterrebbero il loro intero personale impiegato.

“Prima di essere detto di rimuovere i veicoli, siamo andati a servizi igienico-sanitari quotidiani dell’intera flotta”, ha detto Emil Nnani, CEO di Boaz Bikes, in una dichiarazione inviata via email. Prima dello scoppio, il mese migliore dell’azienda per le imprese era marzo. “A partire da ora abbiamo zero veicoli sulla strada per soddisfare gli sforzi della città nel rallentare il virus.”

Come altre aziende di scooter, Boaz sta aspettando che la città dia loro il via libera per ridistribuire i dispositivi.

” Stiamo ancora ricevendo chiamate che chiedono dove sono i veicoli, e crediamo che le persone abbiano ancora bisogno di muoversi anche in un momento come questo”, ha detto Nnani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.