Facebook

NON DOVREMMO DIMENTICARE. …

UN’ECCEZIONALE STATUA EGIZIA IN PIETRA CALCAREA DIPINTA PER L’ISPETTORE DEGLI SCRIBI SEKHEMKA
OLD KINGDOM, DYNASTY 5, CIRCA 2400-2300 A.C.

SEKHEMKA: STRONG OF SOUL A GENTLEMAN’S TASTE – LA STORIA DELLA COLLEZIONE La famiglia Northampton ha dato un contributo significativo alla vita intellettuale britannica nel 19 ° secolo. Oltre a far parte di numerose associazioni scientifiche, la famiglia fu importante mecenate delle arti. Spencer Joshua Alwyne Compton, 2 ° Marchese di Northampton (1790-1851), è stato presidente della Royal Society, la Società Geologica, membro fondatore e presidente della Royal Istituto Archeologico di Gran Bretagna e Irlanda, il presidente della Royal Society of Literature, membro dell’Associazione Britannica per il Progresso della Scienza e Fiduciario del British Museum. Ha viaggiato molto in Europa, ma ha aspettato fino a più tardi nella vita di intraprendere un viaggio verso la misteriosa Valle del Nilo. Egli era accompagnato da sua figlia Marian, suo marito John Egerton, Visconte Alford, i loro due figli, e il suo figlio più giovane e la figlia, Alwyne e Margaret. La famiglia partì da Londra il 9 ottobre 1849, e visitò Parigi, dove fu autorizzato il loro permesso di passare in Egitto. Hanno continuato a Marsiglia e Malta, prima di raggiungere l’Egitto. Spencer Compton arrivò ad Alessandria all’inizio del dicembre 1849, dotato di un quaderno da disegno che utilizzò per documentare le sue avventure egiziane. Alwyne seguì suo padre, registrando il loro viaggio attraverso una serie di acquerelli (entrambi gli schizzi sono conservati a Castle Ashby, sede della famiglia Northampton). Da qui il 2 ° Marchese viaggiò a monte fino ad Assuan, visitando siti importanti come la Valle dei Re e il tempio di Karnak a Luxor, Edfu, Kom Ombo e il tempio di Philae. Prima di tornare ad Alessandria nell’aprile del 1850, la famiglia trascorse del tempo al Cairo e visitò le piramidi di Giza. Potrebbero aver incontrato un altro famoso viaggiatore in visita in Egitto allo stesso tempo: Gustave Flaubert, che, insieme a Maxime Du Camp, stava catturando l’Egitto per la prima volta con la sua macchina fotografica Calotype. Durante i suoi viaggi, il Marchese si innamorò di diversi manufatti antichi, che acquisì e inviò al British Museum, come documentato in una lettera del 5 aprile 1850 a Samuel Birch, custode del British Museum. Al suo ritorno in Inghilterra nel 1850, e dopo essere stato ispirato senza dubbio da tutto ciò che aveva sperimentato in Egitto, il Marchese ha presieduto la riunione annuale dell’Istituto Archeologico di Oxford tra il 18 e il 25 giugno 1850. Morì sette mesi dopo nel gennaio 1851, dopo di che suo figlio, Charles Douglas-Compton, gli succedette come 3 ° marchese di Northampton. La famiglia Northampton è stato intimamente coinvolto con il museo di Northampton dalla sua fondazione, come evidenziato da un rapporto della riunione del Comitato del Museo di Northampton del 11 dicembre 1865, che registra Alwyne Compton, il figlio che ha accompagnato il 2 ° Marchese in Egitto, come presidente. Nel 1866, un primo gruppo di antichità egizie fu prestato dalla famiglia al museo, con più seguito negli anni successivi. È probabile che la statua di Sekhemka è stata donata al museo nel 1880. Nel 1899, appena inaugurato, Abington Museo creato un Egiziano camera per presentare il Borgo della collezione di antichità, tra cui la statua di Sekhemka, dove rimase fino al 1950. Nel 1960, la collezione si trasferì a Northampton Museo Centrale, dove Sekhemka è stato incluso nella mostra “l’Antico Egitto, Terra di Mistero”, nell’estate del 1977, “Mummie e Megaliti – l’Età del Bronzo in Egitto e la gran Bretagna” (1983) e “l’Antico Egitto – il Northampton Raccolta” nel 1988.

Dettagli della statua..

La statua raffigurata seduta, che indossa un aderente parrucca con righe, accuratamente tagliare i riccioli, il suo volto espressivo splendidamente scolpito con finemente modellato le sopracciglia, i suoi occhi sembrano leggermente verso il basso, con un naso corto e dolcemente modellato bocca, il lieve sorriso sulle labbra, delineata da un sollevate vermillion linea, indossa un breve kilt a pieghe con cintura annodata e una gonna a pieghe scheda angolato di cui sopra, in possesso di un parzialmente srotolato rotolo di papiro sulle sue ginocchia, con iscrizione geroglifica elenco ventidue variegata offerta, il suo potente petto nudo con chiaramente indicato clavicole, braccia muscolose e forte le gambe, le sue mani finemente dettagliate, un’iscrizione geroglifica sul sedile di lettura: “Ispezione degli scribi della casa del maestro di generosità, un venerato prima del grande dio, Sekhemka”; alla sua destra, sua moglie, in scala molto più piccola in ginocchio, la gamba sinistra piegata elegantemente sotto la sua destra, il braccio sinistro abbracciare teneramente Sekhemka gamba destra, che indossa un aderente alla caviglia-lunghezza abito, la relativa iscrizione lettura: “Il diretto interessato, con gli affari del re, uno venerato prima del grande dio, Sitmeret”; alla sua sinistra un giovane scolpito in rilievo, molto probabilmente suo figlio, con un’iscrizione che recita:” Scriba del maestro di largess, Seshemnefer”; i tre lati del sedile cubico scolpiti in rilievo poco profondo con una processione cerimoniale di portatori di offerta maschile portando un’anatra, oche, un vitello, fiori di loto, unguento e incenso 29 ½ in. (75 cm.) alto; 12 ¼ in. (31.2 cm.) largo ; 17 3/8 in. (44.1 cm.) profondo

Probabilmente dai Cimiteri Reali, Saqqara.
Acquisita da Spencer Joshua Alwyne Compton, 2 ° marchese di Northampton (1790-1851), in Egitto tra il dicembre 1849 e l’aprile 1850.
Presentato al Northampton Museums and Art Gallery sia da Charles Douglas-Compton, 3 ° Marchese di Northampton (1816-1877) o ammiraglio William Compton, 4 ° marchese di Northampton (1818-1897).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.