Due consigli per aumentare l’uso delle ore d’ufficio degli studenti

Una volta ho sentito un collega spiegare che le loro ore d’ufficio erano intenzionalmente programmate dalle 8 alle 10 perché gli studenti sono stillasleep. Il professore rise, ma io rabbrividii. Quel processo di pensiero è così lontano dalla mia filosofia di insegnamento, che è dedicata allo sviluppo e al supporto degli studenti, che l’intenzionalità del commento mi ha spinto a riflettere sul mio processo per la pianificazione delle ore di ufficio.

All’inizio di ogni semestre, rivedo i miei compiti di insegnamento e quindi creo un programma equilibrato basato su giorni e orari del corso, varie riunioni di comitati e dipartimenti, servizi e orari di ufficio. Per diversi anni, come molti dei miei colleghi (forse anche voi), ho selezionato ore di ufficio in base al mio programma.

Essere disponibili per gli studenti—soprattutto studenti del primo anno di transizione al college, la prima generazione di studenti universitari e gli studenti di minoranza—ha dimostrato di aumentare la conservazione, la soddisfazione degli studenti, l’impegno, il senso di appartenenza, e in generale il rendimento scolastico (Bowen, 2012; Kim & Lundberg, 2016; Kuh, Kinzie, Schuh, & Witt, 2010; Dika 2012).

Ore di ufficio vuote

Storicamente, le ore di ufficio sono state implementate come risposta alle buone pratiche nei risultati dell’istruzione superiore. “Frequent student-facultycontact in e out of classes è il fattore più importante nella motivazione e nel coinvolgimento degli studenti”(Chickering & Gamson, 1986, p. 3). Questo è solo vero se gli studenti utilizzano ore di ufficio. Molti docenti riferiscono uffici vuoti durantei loro orari di ufficio designati (Griffin, Cohen, Berndtson, Burson, Camper, Chen,& Smith, 2014). Questo potrebbe essere perché gli studenti millenari di oggi wouldrather inviare una e-mail che entrare nell’ufficio di un professore (Bowen, 2012; Rees, 2014) o forse perché la facoltà non spiega lo scopo delle ore d’ufficio sul loro programma (Gannon, 2014).

La percentuale di studenti che frequentano l’orario d’ufficio è diminuita drasticamente negli ultimi anni. In uno studio del 2014, Griffin et. al trovato due terzi degli studenti auto-riferito mai utilizzando ore di ufficio. È interessante notare che, hanno scoperto gli studenti che percepiscono ore di ufficio per essere più conveniente sono più propensi a partecipare. Se sappiamo che il contatto tra studenti e docenti è importante, dobbiamo trovare un modo per soddisfare le esigenze degli studenti anche se il paesaggio è cambiato. Continua ad essere responsabilità della facoltà di essere accessibile agli studenti.

Uffici virtuali

Da quando mi sono trasferito nell’istruzione superiore nel 2012, ho sempre utilizzato un servizio di sms come meccanismo per incontrare gli studenti dove si trovano—sui loro dispositivi. Ho anche offerto ore virtualoffice. Le ore di ufficio virtuali possono avvenire attraverso una piattaforma di videoconferenza come Zoom o Google Hangouts e possono essere in qualsiasi momento, ma(per me) si verificano in genere durante le ore serali successive.

Le ore di ufficio virtuali possono beneficiare di qualsiasi studente, ma sono particolarmente utili per gli atleti studenti, gli studenti con famiglie e coloro che svolgono lavori(Bowen, 2012). La facoltà dovrebbe prendere in considerazione la definizione di ore di ufficio virtuali specificeper l’equilibrio tra lavoro e vita (Tucker, 2016). Ho sentito il mio approccio era abbastanza cuttingedge e proattivo come stavo cercando modi per essere accessibili e disponibili tostudents. I risultati positivi sono stati confermati anche attraverso il feedback degli studenti sulle valutazioni del mio corso. Mi sentivo come se stessi vincendo!

Tuttavia, per diversi semestri, i miei studenti hanno richiesto appuntamenti al di fuori dei miei orari di ufficio programmati o sono entrati senza preavviso. Non ho avuto problemi con questi incontri perché ho il forte desiderio di sostenere i miei studenti. Era un atto di bilanciamento di sicuro, ma finché sapevo in anticipo che stavano arrivando, e non avevo un altro obbligo in quel momento, di solito funzionava. Ho subito capito, però, che il mio tempo per la borsa di studio e lo sviluppo del corso veniva scricchiolato a causa di appuntamenti programmati dagli studenti e visite senza preavviso. Non sono stato in grado di dedicare il tempo necessario agli altri miei obblighi professionali.

Eureka! Progettazione di pianificazione

Simile a Griffin et al. (2014), ho notato che molti studenti stavano arrivando alle mie ore d’ufficio (e le mie ore d’ufficio non erano nemmeno alle 8 del mattino).Fu allora che mi resi conto che il mio approccio alla programmazione non si allineava con la mia filosofia di insegnamento. Così, ho chiesto ai miei studenti, ” Perché non vieni alle ore programmate ufficio?” La loro risposta è stata semplice – abbiamo classe in quel momento. Eureka! Ithought a me stesso se l’intento originale e lo scopo di orario d’ufficio è quello di offerstudent-facoltà di tempo per sostenere gli studenti, allora ho bisogno di ottenere studentsinvolved. Tutto quello che devo fare è offeroffice ore in cui i miei studenti possono partecipare. Era una soluzione ovvia, ma una che non avevo mai considerato. L’hai fatto?

Ecco cosa ho fatto: era già a metà del semestre, ma ho chiesto ai miei studenti di documentare il loro programma accademico dalle 8 alle 17. Ho esaminato il loro programma con il mio carico di insegnamento per garantire che ogni studente fosse in grado di frequentare almeno un’ora di ufficio programmata ogni settimana, se necessario. Ho implementato questa strategia per tre semestri e i miei studenti sono sinceramente scioccati dal fatto che considero i loro programmi per progettare il mio programma. Uso questo shock come un’opportunità per spiegare loro la mia filosofia di insegnamento e l’importanza degli orari d’ufficio. Sarò onesto, questo tipo di pianificazione può essere un po ‘ un puzzle logistico, ma finora ha funzionato, e ho ancora il numero richiesto di ore di ufficio raccomandate dal mio istituto (non di più).

Scheduler online

Un altro meccanismo che ho iniziato a utilizzare è l’uso di uno scheduler freeonline. Sono disponibili poche ricerche sull’uso di queste piattaforme nell’istruzione superiore. Comunque, servizio di cibo, vendita al dettaglio, e campi anche medici havebeen usando scheduling on-line con molto successo. Io uso YouCanBookMe, butthere sono diversi altri servizi disponibili. Ti incoraggio a rivedere diversiopzioni e selezionare la piattaforma che soddisfa le tue esigenze. Ogni semestre dopo myoffice ore sono determinati, li collego nel YouCanBookMeprogram sulla base di venti minuti incrementi, e poi sincronizzare le mie preferenze su YouCanBookMe al mio Google calendar. Gli studenti hanno l’opportunityto iscriversi per uno slot di venti minuti all’interno del mio orario di ufficio selezionato e virtualoffice ore date e orari a proprio piacimento.

A causa di questa piattaforma, raramente ho bisogno di scheduleappointments con i miei studenti. Questo è un enorme risparmio di tempo per tutte le partiinvolto. Quando uno studente si iscrive, selezionano la loro fascia oraria e indicano thepurpose della riunione. Sono automaticamente informato via e-mail e in grado di prepararmi meglio in anticipo per le esigenze specifiche degli studenti tirando le risorse o rivedendo le loro proposte di assegnazione. Calendar sync è stato fondamentale per il mio successo-io vivo dal mio electroniccalendar. Sia sicuro se Lei ha un cambio di programma come un fuori di presentazione di townconference lei lo aggiunge al suo calendario appena possibile sostudents non si iscrivono quando Lei non è là. Vorrei anche raccomandare notallowing studenti di iscriversi entro 48 ore dall’appuntamento. Questo ti aiuta a conoscere il tuo programma e incoraggia gli studenti a prepararsi in anticipo. I wouldnot consiglia di aprire l’intero programma per gli appuntamenti sia.

L’utilizzo di uno scheduler online può aiutare i docenti a supportare gli studenti,ma come insegnante, vogliamo anche assicurarci che gli studenti sappiano che non siamo in una posizione 24 / 7 drive thru. Gli studenti si sono auto-segnalati apprezzano il processo di iscrizione in quanto non devono aspettare fuori dal mio ufficio inutilmente, e sanno anche che sarò pronto per loro.

Il risultato dell’implementazione di questi due suggerimenti ha incoraggiato i miei studenti a utilizzare le mie ore d’ufficio.

Jennie M. Carr, PhD, è professore associato di educazione, coordinatore del programma di educazione elementare al Bridgewater College. Carr ha fatto parte del Comitato esecutivo di AILACTE dal 2015 come rappresentante regionale del Sud. Fa inoltre parte del Consiglio di amministrazione dell’American Association of Colleges for Teacher Education (AACTE) dal 2018.

Bowen, J. A. (2012). Insegnamento nudo: Come moving technologyout della tua classe universitaria migliorerà l’apprendimento degli studenti. San Francisco: Jossey-Bass.

Gannon, K. (2016, 28 ottobre). Che cosa va in asyllabus? Cronaca di HigherEducation, p. A40. Recuperati da http://ricerca.ebscohost.com.bceagles.idm.oclc.org/login.aspx?diretta=true&db=a9h&UN=119123446&sito=ehost-live

Griffin, W., Cohen, S. D., Berndtson, R. Burson, K. M., Camper,K. M, Chen Y. & Smith, M. A.. (2014). “Avvio della conversazione: uno studio esplorativo di fattori che influenzano l’uso dell’ora d’ufficio degli studenti.”Insegnamento universitario. 62 (3): 94–9.

Kim, Y., & Lundberg, C. (2016). Un modello strutturale della relazione tra interazione studente-facoltà e sviluppo delle abilità cognitive tra gli studenti universitari. Ricerca nell’istruzione superiore, 57(3), 288-309.il suo nome deriva dal latinohttps://doi-org.bceagles.idm.oclc.org/10.1007/s11162-015-9387-6,https://doi-org.bceagles.idm.oclc.org/10.1007/s11162-015-9387-6, https://doi-org.bceagles.idm.oclc.org/10.1007/s11162-015-9387-6, https://doi-org.bceagles.idm.oclc.org/10.1007/s11162-015-9387-6, https://doi-org.bceagles.idm.oclc.org/10.1007/s11162-015-9387-6, https://doi-org.bceagles.idm.oclc.org/10.1007/s11162-015-9387-6, https://doi-org.bceagles.idm.oclc.org/10.1007/s11162-015-9387-6, https://doi-org.bceagles.idm.oclc.org/10.1007/s11162-015-9387-6, https://doi-org.bceagles.idm.oclc.org/10.1007/s11162-015-9387-6, https://doi-org.bceagles.idm.oclc.org/10.1007/s11162-015-9387-6, https://doi-org.bceagles.idm.oclc.org/10.1007/s11162-015-9387-6 e https://doi-org.bceagles.idm.oclc.org/10.1007/s11162-015-9387-6. StudentSuccess in Collegio: Creazione di condizioni che contano. Nel 2000, Nadler, L. B. (2000)”Out of ClassCommunication Between Faculty and Students: A Faculty Perspective”(Fuori dalla ClassCommunication tra facoltà e studenti: una prospettiva di facoltà). Studi di comunicazione. 51 (2): 176–88.

Rees, J. (2014, 20 giugno). Gli orari d’ufficio sono obsoleti. Cronaca dell’istruzione superiore, p. A38.Recuperati da http://ricerca.ebscohost.com.bceagles.idm.oclc.org/login.aspx?diretta=true&db=a9h&UN=96699630&sito=ehost-live

Tucker, C. (2016). Cinque consigli per evitare la tecnologiasovraccaricare. Leadership educativa, 73(8), 89-90. Estratto da http://search.ebscohost.com/login.aspx?direct=true&db=a9h&AN=115591958&site=ehost-live

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.